Andy Green presenta i suoi mostri

caraabeenieri

caraabeenieri Andy Green

cuccuruccucù Andy Green

fa(s)tfood Andy Green

greenthug Andy Green

kittenfuck! Andy Green

nuovissimo Andy Green

silvio! Andy Green

Chi sei? Mi chiamo Andrea ma gli amici mi chiamano Andy, sono un ragazzo di venticinque anni e vivo/lavoro (ci provo) a Roma.

Cosa fai? Mi occupo di Grafica Editoriale e Illustrazione! Nel tempo libero amo disegnare personaggi (mostruosi), malaticci e incazzati.

Da quanto tempo lo fai? La mia grande passione per la street art e per il disegno vettoriale nasce nel lontano 2006. In quel periodo frequentavo il terzo anno del Liceo Classico Orazio di Roma, leggevo decine di fumetti e ascoltavo musica punk made in California tutti i giorni, dalla mattina alla sera. 

Com’è cominciata la tua carriera? Un giorno mi capita tra le mani una replica di un disegno di Keaton Henson. Amore a prima vista.

Dove lavori? Ho un piccolo studio di grafica che gestisco con il mio socio Sane Ciullo e mi occupo di Grafica in una Fondazione di Roma che organizza Master Universitari e seminari formativi per il mondo della Medicina. Vivo a Roma, amo la mia città anche se piena di problemi. Cerco di viaggiare spesso con mio fratello e i miei amici per non annoiarmi.

Perché lo fai? Ho iniziato disegnando strani personaggi sul mio diario con la bic, provavano amore e odio, proprio come diceva quel tipo di nome Catullo, sorridevano ma soffrivano, in un meraviglioso gioco di metafore visive. Ogni tanto dimentico di disegnare un occhio, così per rimediare ne aggiungo 3 o 4, giusto per essere sicuro che i miei mostri possano vedere bene tutti i cattivi che li circondano. Sono brutti ma non stupidi! Prendo una figura, una frase che mi piace, una canzone. Un’ idea che faccio vivere sotto forma di immagine. Ho un sito che curo personalmente www.andygreenart.com, spesso inserisco nuovi lavori e mi piace molto il feedback delle persone!

Cosa non ti piace dell’arte? Non mi piace l’invidia. Tutti dovrebbero avere il diritto di esprimersi, non mi piace il “classismo” nell’arte in Italia, spazio ai giovani! Conosco e stimo molti artisti “veterani” dello spray e della matita, amo ascoltare le storie e i racconti di chi ama e cura l’arte visiva da sempre, credo sia un grande elemento di ricchezza per me e per la strada che vorrei percorrere nella mia vita.

The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Ultimi post di julietartmagazine (vedi tutti)

4 Comment

  1. Sara Minel says: Rispondi

    Grande intervista! Bravo Andrea, sei anche qui’ :)!!!!

  2. Gianmarco says: Rispondi

    Grande Artista

  3. Carl Hokee says: Rispondi

    great stuff!

  4. xili says: Rispondi

    love it! great artist<3

Rispondi