Quando l’Arte incontra il Cinema

2.Ra di Martino.The_Show_MAS_Go_On_6

Immergi te stesso in un’immagine lunga abbastanza e riconoscerai quanto vive siano le contraddizioni:
la più sofisticata tecnologia può dare ai prodotti un valore magico…
lo spettatore sentirà un’irresistibile urgenza di ricercare una simile immagine
per la più minuscola scintilla di contingenza dell’Hic et Nunc con cui la realtà parla al soggetto.

Walter Benjamin, Piccola Storia della Fotografia, 1931

La 71.ma rassegna cinematografica della Biennale di Venezia fa luce su un tema a lungo discusso che interroga i modi di definire Arte e Cinema, e le reciproche interferenze. La definizione accademica di “Audiovisivo e Nuove Tecnologie” sembra riflettere le più contemporanee pratiche artistiche che si muovono tra le due discipline; lo dimostrano perfettamente una serie di cortometraggi e documentari in mostra, che sviluppano questa tendenza.

1-Poltrone_rosse_-_Parma_e_il_cinema_1

Francesco Barilli, Poltrone Rosse. Parma e il Cinema, 71.ma Biennale d’Arte Cinematografica di Venezia
 

Lo stesso rigore nel classificare il vocabolario filmico, si avverte nel documentario Poltrone Rosse. Parma e il Cinema a cura di Francesco Barilli (1943, Parma), regista, autore e pittore; l’autore attraverso un approccio retrospettivo, narra la storia e i protagonisti del cinema italiano come in una lezione universitaria, a partire da Prima della Rivoluzione, 1964 di Bernardo Bertolucci, presentando un panorama del cinema italiano e il circolo d’intellettuali e cinefili costituitosi intorno a questa città, attraverso  interviste e inquadrature di paesaggio. La sezione Le Giornate degli Autori celebrano questo sodalizio con la proiezione di due eventi speciali e il progetto Women’s Tales Miu Miu, presentando cortometraggi firmati Ra Di Martino, Masbedo e Miranda July, figure note del panorama artistico contemporaneo. La prima, già conosciuta ai più per una pratica artistica ricca di elaborazioni e influenze cinematografiche, incontra un notevole interesse per il docu-fiction The Show MAS Go On, 2014: un musical che propone l’atmosfera decadente dei MAS, grandi Magazzini di lusso in via Piazza Vittorio, Roma, di recente chiusura. Quella in scena è la società dello spettacolo che lascia spazio alle più colorite o tragiche situazioni in cui il gioco tra realtà e finzione, è sofisticamente sottile, sapientemente articolato dalle voci narrative che descrivono la grande architettura e gli interni del complesso: per queste abilità, il video riceve il premio Open, per gli “echi di quel cinema che è diventata memoria collettiva e come tale ritorna ad essere alfabeto: segni codificati che raccontano nuove storie o nuove vecchie storie nella dimensione del video d’artista” secondo Paolo De Grandis, presidente di Giuria.

2.Ra di Martino.The_Show_MAS_Go_On_6

Ra di Martino, The Show MAS go on, 71.ma Biennale d’Arte Cinematografica di Venezia
 

In secondo luogo, Masbedo, il duo milanese conosciuto per video/performance/installazioni surreali e sofisticamente tecnologiche, presentano The Lack, 2014: un modo di sperimentare il mezzo filmico, oltre la videoarte. È un film in quattro atti in cui sei figure femminili sono le sole protagoniste al centro della scena, scolpendo l’immagine dalla loro stessa voce che parla dell’assenza e della fragilità umana, sullo sfondo di una natura sublime, pervasa di malinconia e assoluto silenzio. Il sonoro, a cura di Benny Atria, è componente principale del cortometraggio, che scandisce i toni e le suggestioni delle differenti storie di Eve, Xiù, Anja, Nour Greta e Sarah, che come eroine moderne affrontano il viaggio dell’esperienza dell’essere.

3.Masbedo-The_Lack_5

Masbedo, The Lack, 71.ma Biennale d’Arte Cinematografica di Venezia
 

Lo sguardo si sposta internazionalmente attraverso Somebody di Miranda July, commissionata del prestigioso progetto Miu Miu Women’s Tales, presentato in anteprima mondiale a Venezia, nella serie finale che prevede complessivamente, otto cortometraggi firmati da emergenti film-maker donne: una riflessione sull’universo femminile moderno e sulle componenti più intime, oltre al ruolo sociale della donna contemporanea. Artista, film-maker e scrittrice californiana, Miranda July presenta un corto che attraverso un taglio femminile, illustra le più svariate possibilità d’interazione nell’epoca moderna, tecnologica e digitale, quando la comunicazione tra persone è essenziale, soprattutto in determinati momenti della vita; è anche l’occasione per lanciare l’omonima applicazione digitale che permette di connettersi a una piattaforma sociale, in cui trovare intermediari tra messaggi inviati universalmente: un chiaro tentativo di creare un’utile rete interattiva di comunicazione nel mezzo delle più difficili esperienze del vissuto, come il film vuole dimostrare.

4.Women`sTale MiuMiu

Womes’s Tales Miu Miu, Le Giornate degli Autori, Foto J. Barreto
 

Sempre alla Biennale, inaugura il progetto ArTVision, A Live Art Channel, un canale tematico transmediale che pone al centro dell’interesse le Arti Contemporanee e le forme d’espressione artistica e culturale innovative, secondo il mezzo video e filmico, e promosso dai media, e le reti di comunicazione moderne, attraverso i Paesi Adriatici ed Europei. Si presenta come un progetto in fieri e  come un nuovo modo di vedere l’Arte, ampliando l’orizzonte dello spettatore, secondo una linea sperimentale, innovativa ed emergente.

5.ArTVision

ArTVision, Press Conference, Foto J. Barreto
 

In anteprima, il promo di ArTVision mostra 11 video di coinvolgente freschezza, realizzati da giovani studenti delle Accademie che hanno lavorato interamente allo sviluppo del progetto. Grazie al coinvolgimento d’importanti partner istituzionali e associati, lungo la costa mediterranea, questa rete può già contare 5 redazioni/crew, a testimoniare gli obiettivi di dialogo tra le culture e lo scambio delle conoscenze, come per la mostra itinerante in corso, attraverso Puglia, Albania, Croazia, Montenegro che raggiungerà Venezia nel dicembre 2014. Un bel esempio di come il mezzo filmico e video, crei valori e potenzialità nel complesso del panorama artistico.

Informazioni:
ArTVision
https://www.youtube.com/channel/UCSpWiHcyaX4cNMSYh0UZ8JQ
Women`s Tales Miu Miu
http://www.miumiu.com/en/women_tales/8/film?intcmp=hero1_womens-tales-8
https://itunes.apple.com/us/app/apple-store/id897593878?mt=8

The following two tabs change content below.
è interessata agli aspetti Visivi, Verbali e Testuali che intercorrono nelle Arti Moderne Contemporanee. Da studi storico-artistici presso l’Università Cà Foscari, Venezia, si è specializzata nella didattica e pratica curatoriale, presso lo IED, Roma, e Christie’s Londra. L’ambito della sua attività di ricerca si concentra sul tema della Luce dagli anni ’50 alle manifestazioni emergenti, considerando ontologicamente aspetti artistici, fenomenologici e d’innovazione visuale.

Rispondi