• Recensioni
  • David Medalla. Locus Solus. Omaggio ad Arthur Rimbaud

    Senza titolo-1 copia

    Tra settembre e ottobre David Medalla è stato ospite della Galleria Enrico Astuni per preparare la mostra  Locus Solus. Omaggio ad Arthur Rimbaud a cura di Lorenzo Bruni che si è inaugurata il 2 dicembre. L’artista ha realizzato appositamente per la galleria una nuova serie di opere concepite come una sorta di diario interiore in cui rifluiscono le ispirazioni dal […]

  • Recensioni
  • Anche a Bologna il fenomeno dell’arte “condominiale”: la “ricetta” di Maionese

    Senza titolo-1 copia

    Dieci giovani artisti emergenti, un inconsueto happening “familiare”, una strana casa-galleria alle porte di Bologna. E maionese. Quanta ne volete. Il progetto di Sofia Campanini, Sissj Bassani e Veronica Armani, Maionese, appunto, è una boccata d’aria fresca all’interno del panorama delle arti visive bolognesi, un esperimento irriverente e originale che dà spazio ad un gruppo […]

  • Recensioni
  • Turner Prize 2017

    Senza titolo-1 copia

    Il 5 dicembre 2017 la giuria presieduta da Alex Farquharson, direttore della Tate, e composta da critici e curatori di primo piano in ambito anglosassone, quali Dan Fox, Martin Herbert, Mason Leaver-Yap, Emily Pethick, assegna il prestigioso Turner Prize 2017 all’artista Lubaina Himid (Zanzibar, 1954), formatasi presso il Wimbledon College of Art e il Royal […]

  • Recensioni
  • Il Tatto Interno: dentro ed oltre il corpo. La pittura “impalpabile” di Alessandro Saturno

    Senza titolo-1 copia

    Delicata, malinconica, “aerea”. La pittura di Alessandro Saturno, giovane artista napoletano in mostra alla Labs Gallery di Bologna, è una pittura consapevole e raffinata. E Inner Touch, mostra curata da Leonardo Regano, con più di 30 opere in esposizione, è una consapevole e raffinata riflessione sul corpo, sulla materia e sulla relazione che tra questi […]

  • Recensioni
  • Emilio Vavarella. RE-CAPTURE: Room(s) for Imperfection

    vavarella cover copia

    Da sempre l’umanità convive con entità di altro genere: animali, oggetti, elementi, convenzioni, credenze, concetti, idee. Dal Ventesimo secolo in poi, anche con sistemi, processi e macchine che hanno ampliato la rete relazionale su cui si fonda l’esistenza collettiva rinegoziando la prospettiva antropocentrica con cui l’essere umano tende ad approcciarsi al mondo. 

  • Recensioni
  • Sadaf Kobari. Green Mind

    Kobari cover

    L’Iran è fra i Paesi più montuosi al mondo, con un paesaggio dominato da montagne, vasti altopiani e catene montuose inframezzate da bacini idrografici e poche pianure. La parte settentrionale è ricoperta da dense e piovose foreste, mentre le regioni centrali e meridionali sono caratterizzate da steppe e zone semi-aride che culminano nel Dasht-e Kavir, […]