Collezioni sospese tra il visibile e l’invisibile, l’esempio di Euromobil

lorma

Con Beatrice Bruscaroli, storica dell’arte e membro della giuria del Premio Internazionale Gruppo Euromobil Under 30, ritroviamo le parole di Krzystof Pomian e la sua interpretazione del collezionare come di “un mondo dentro il mondo”. Quella della famiglia Lucchetta è, infatti, una raccolta frutto di passione e impegno, nata dal desiderio d’investire nell’arte dei giovani, spesso trascurati dalle istituzioni pubbliche italiane. L’occasione per farlo è, dal 2007, Arte Fiera durante la quale la giuria, coordinata dall’architetto Roberto Gobbo, seleziona una serie di opere tra quelle presenti e realizzate da artisti sotto i trent’anni per premiarne una con l’acquisizione e l’entrata in collezione. Ricordiamo per esempio la premiazione di artisti quali Paolo Maggis, Nazzarena Poli Maramotti, Margherita Casaretti e Valentina Moransi.

In questa 40° edizione della fiera, il vincitore all’unanimità è stato il milanese Lorenzo Mariani, in arte L’orMa, con l’opera “Adam and Eve” esposta presso lo Spazio Testoni di Bologna. Per la sua realizzazione l’artista ha manipolato un elemento vegetale, il Tragopogon, e composto un’opera sospesa il cui particolare innesto mostra due estremità uguali che traggono nutrimento l’una dall’altra. Il titolo stesso gioca sul richiamo dell’origine primordiale e la propagazione della fecondità sulla terra, in una sintesi tra passato e presente. A convincere la giuria sono stati la particolarità del medium scelto e i diversi livelli interpretativi dell’opera, che come nelle precedenti edizioni, entrerà a far parte della collezione d’arte del Gruppo Euromobil. L’orMa, che fa della multidisciplinarietà la sua costante, ha conseguito la laurea a pieni voti all’Accademia di Belle Arti di Brera nel 2007. La continua ricerca dei diversi mezzi espressivi l’ha portato a confrontarsi con pittura, fotografia e scultura, oltre che con interventi di rielaborazione di elementi.

Anche quest’anno, oltre al Premio della Giuria, il Gruppo Euromobil ha deciso di assegnare un ulteriore riconoscimento agli artisti selezionati dando al pubblico l’opportunità di premiare una tra le opere precedentemente selezionate dalla giuria. C’è tempo fino all’8 febbraio per votare a questo link.

Dimitri-Obergfell,-Apotheosis,-2014,-vernici-per-auto,-policarbonato,-grafite,-malta,-46-x-20-x-25-cm,-Montoro-12-Contemporary-art,-Pad.-25,-Stand-A-31

Dimitri Obergfell, Apotheosis, 2014, vernici per auto, policarbonato, grafite, malta, Montoro 12 Contemporary art

04

Evgeny Antufiev, Untitled, 2015, corona in bronzo con ambra su testa di tessuto, disegno, coltello in bronzo, Z2o Sara Zanin Gallery 

LorMa_Adam-and-Eve_intervento-manuale-su-tragopogon_129,5x69,5cm

L’orMa, Adam and Eve, 2016, Tragopogon intervento manuale, Galleria Spazio Testoni

Erik-Saglia,-Untitled,-2016,-vernice-spray,-nastro-adesivo,-pastelli-a-olio-e-resina-epossidica,-200-x-150-x-6-cm,-Thomas-Brambilla-Gallery,-Pad.-25,-Stand-A-5

Erik Saglia, Untitled, 2016, vernice spray, nastro adesivo, pastelli a olio e resina epossidica, Thomas Brambilla Gallery

He-Wei,-Married-to-Shadow,-2016,-olio-su-tela,-90-x-70-cm,-Primo-Marella-Gallery,-Pad.-25,-Stand-B-52

He Wei, Married to Shadow, 2016, olio su tela, Primo Marella Gallery

The following two tabs change content below.

Magalì Cappellaro

Da sempre appassionata di arte contemporanea e design, si diploma presso il Liceo Artistico Giovanni Sello di Udine e successivamente ottiene la laurea in Tecnologie per la Conservazione e il Restauro presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Particolarmente interessata allo sviluppo delle realtà non-profit in ambito artistico, collabora da anni con varie associazioni culturali di Udine, dove vive e lavora.

Rispondi