Cristina Coral

DSC_0046

Juliet Art Magazine ha il piacere di presentare il lavoro dell’artista Cristina Coral. Con queste parola la fotografa c’introduce alla sua ricerca “il mio approccio alla fotografia è stato quasi totalmente autodidatta: ho frequentato un workshop e da subito ho intuito cosa questo strumento poteva darmi in termini di sperimentazione e scoperta di quello che mi circonda e di me stessa. La scelta della fotografia come strumento della mia espressione artistica risale a qualche anno fa. Fotografare per me è diventato linguaggio imprescindibile. I miei lavori scaturiscono da un modo di sentire che mi appartiene profondamente, dal mio modo di interpretare la realtà. È un atto strettamente privato che nasce da un’intuizione improvvisa e da processi mossi da un dialogo interiore. Il mio maestro è stato sicuramente mio padre Giampaolo, stimato compositore di musica da camera classica contemporanea che attraverso la musica ha influenzato e contribuito ad accrescere la mia sensibilità nei confronti dell’arte e non solo.”

DSC_0046

DSC_0120

DSC_0167 copia

DSC_0185 copia

DSC_0234 copia 2

DSC_0271 copia

DSC_0438

DSC_0494 copia 2

DSC_0869 copia

DSC_1016

Cristina Coral. I suoi lavori sono stati pubblicati in diversi magazine online quali Vogue It., The C-41 Photographic Magazine, Le Journal de la Photographie e molti altri. Ha collaborato al cahier d’artistes della fashion designer Erika Cavallini Semi couture e fotografato per lei e per Vogue It. la collezione FW 2014/2015 indossata dal corpo di ballo del Teatro alla Scala per un Tributo a Deborah Turbeville durante la Milano Fashion week. Ha contribuito con le sue fotografie a diversi eventi organizzati da Franca Sozzani per Vogue Italia e dalla Maison Martin Margiela. Ha vinto dieci pic of the day sul sito di Vogue.it; una sua foto parteciperà all’esibizione collettiva curata dalla photo editor Alessia Glaviano in collaborazione con Vogue Italia e Leica che si terrà ad aprile 2015. Quest’anno ha vinto due primi premi al PX3 Prix de la Photographie Paris nella categoria non professionisti con il progetto ”do not disturb” e l’Honorable Mention ottenuta dall’IPA International Photo Award di New York. Ha esposto al Miti Cafe di Trieste, Convivio di Milano, Galleria Circus Milano, Galleria Carla Sozzani di Milano, Spazio EContemporary di Trieste. Alcune sue fotografie sono rappresentate dalla Agenzia Art and Commerce di New York.

The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Ultimi post di julietartmagazine (vedi tutti)

Rispondi