David Maljkovic.”Sources in the Air”

Maljkovic-019

La GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo presenta la prima esposizione personale in Italia dell’artista croato David Maljkovic. “Sources in the Air” è il punto finale di un progetto che si è alimentato nel corso dell’ultimo anno e che vede collaborare la GAMeC con altre importanti istituzioni internazionali, come il Museo Van Abbemuseum di Eindovhen e il BALTIC Centre for Contemporary Art di Gateshead. Il museo olandese è stato il primo a presentare il progetto in un’istituzione pubblica nell’autunno 2012, mentre nella primavera 2013 toccò al BALTIC ospitare l’artista originario di Rijeka.

Maljkovic-019

David Maljkovic, Sources in the Air, exhibition view
 

Sources in the Air” porta in esamina un discreto numero di opere realizzate dall’artista negli ultimi dieci anni in cui le interazioni tra i vari ambienti dello spazio espositivo definiscono il carattere predominante del lavoro di Maljkovic: interazioni che si ricreano, modificando radicalmente quello che è il layout dello spazio espositivo e di conseguenza quella che è la selezione delle opere. Pregevole l’omaggio ai quarant’anni di attività della Galleria Massimo Minini, la quale rappresenta l’artista in Italia, raffigurato tramite un collage di tutti gli inviti realizzati per le aperture delle mostre (Display for Massimo Minini). Maljkovic non si limita a celebrare una figura estremamente importante nella storia dell’arte contemporanea in Italia ma si spinge oltre, creando un forte legame nella distinta collocazione fisica delle sue opere: da un’apatica galleria commerciale, nella quale si trovavano i suoi lavori, al trasferimento di questi, nella sua mostra personale al museo, delinea una netta differenza tra spazio pubblico del museo e spazio privato della galleria, tra memoria individuale e il suo trasporto in ambito sociale. Strumenti di carattere ornamentale quelli utilizzati da Maljkovic; lampade, teche, diorami e pedane, utilizzati per permettere che il “legame” tra i vari ambienti dello spazio bergamasco si possa manifestare.

Maljkovic-010

David Maljkovic, Sources in the Air, exhibition view
 

Il successo di David Maljkovic a livello internazionale è riscontrabile negli ultimi anni grazie alle serie “Temporary Projections” (2011), così come “Monochromes” (2013) e “Lost Pavilion” (2008) nelle quali esamina il patrimonio culturale, sociale e politico della sua Croazia attraverso un continuo raffronto tra passato, presente e futuro, e dove l’intento dell’artista è di ricostruire nuove dimensioni “ipotetiche”, interconnesse alla realtà. Un pensiero utopico il suo, ma certamente personale.

Maljkovic-025

David Maljkovic, Sources in the Air, exhibition view
 

Sources in the Air” fissa quello che è un netto cambiamento per Maljkovic che abbandona queste tematiche per riflettere più strettamente su una costruzione di una mappa visiva e concettuale a diversi “stadi”, stadi mnestici nuovi e livelli esposti a poco a poco dallo stesso artista, che blocca il tempo e lo spazio nel concetto di fotogramma, momento al quale aggiungere o togliere reminiscenze. Il tema di amnesia collettiva è spesso presente nella produzione di Maljkovic, che include video, fotografie e installazioni, spesso presentati come strumenti silenziosi, usati “contro se stessi” in contraddizione con le loro funzioni. L’artista ha, infatti, sempre cercato di creare una nuova relazione (o anche tensione) tra il modo in cui guardiamo, captiamo e il modo in cui selezioniamo i segnali esterni per capire il mondo che ci circonda.

Maljkovic-012

David Maljkovic, Sources in the Air, exhibition view
 

In passato, Maljkovic ha parlato della storia del suo paese nativo, la Croazia, come parte della Jugoslavia socialista. Qui, molti degli artisti, architetti e figure d’avanguardia, associati al modernismo alternativo del paese, gli hanno permesso di rivalutare e di conseguenza riattivare la sua spenta visione per la politica del suo paese. Guardando il suo lavoro sembra quasi che ci occorra una lente puntata sul passato per capire meglio il presente.
Il desiderio dell’artista di rileggere e ripassare quello che è accaduto in passato ricopre un ruolo sempre più importante nell’approccio di Maljkovic al suo lavoro e, conseguentemente, sottolinea la necessità della ricreazione di uno spazio pubblico che catturi questo passato per proiettarlo sul presente.

Maljkovic-013

David Maljkovic, Sources in the Air, exhibition view
 

GAMec –Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo
4 Ottobre 2013 – 6 Gennaio 2014
A cura di Alessandro Rabottini e Andrea Viliani

Daniele Bux

The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Ultimi post di julietartmagazine (vedi tutti)

Rispondi