Edvard Munch

MUNCH IMM 1

Una mostra alla Tate Modern di Londra, aperta fino al 14 ottobre 2012, ci propone una visione nuova dell’opera del creatore dell’Urlo.
Edvard Munch: The Modern Eye dimostra come l’artista norvegese non sia stato soltanto il pittore esistenzialista per eccellenza dell’Ottocento ma, grazie ad un’attrazione per la fotografia, film e i nuovi movimenti teatrali e letterari, un pittore pienamente moderno.

Edvard Munch, Self-Portrait ‘A la Marat’ at Dr. Jacobson’s Clinic in Copenhagen, 1908-1909.
 

Le scelte pittoriche, gli effetti stranianti e le sperimentazioni cromatiche e luministiche, si comprendono meglio una volta preso atto di queste sue diverse ricerche.
L’esposizione esplora la parte meno conosciuta della sua attività, soffermandosi sulle opere eseguite nella seconda parte della sua vita – soprattutto ritratti e autoritratti – dopo il ricovero nel 1908 per un esaurimento nervoso e, quindi, il definitivo ritorno ad Oslo.
La mostra indaga le ossessioni personali di Munch e come esse abbiano influito sulla sua arte, attraverso un percorso tematico dalle inedite suggestioni curato da Nicholas Cullinan e Shoair Mavlian. I filmati amatoriali, come le numerose foto, confermano l’ossessione di Munch per l’auto-rappresentazione e per le inquadrature e le fattezze brutali che lo specchio non è in grado di cogliere.
L’esposizione svela inoltre la predisposizione dell’artista a riprendere temi e figure nell’arco di un lungo periodo di tempo, presentando le differenti versioni di molti dei suoi capolavori come ad esempio per The Sick Child (rielaborato dal 1885 al 1927) e The Girls on the Bridge (ripreso dal 1902 al 1927).
Contemporaneamente alla mostra la galleria ha organizzato corsi e conferenze incentrate sull’artista e la sua attività artistica.

Edvard Munch, The Sick Child, 1907, olio su tela, Munch Museum

Edvard Munch, The Girls on the Bridge, 1927, olio su tela

 

The following two tabs change content below.
Classe 1986, Francesca risiede e lavora a Piacenza. Dopo essersi laureata al Dams di Bologna in Storia dell'Arte, si è diplomata in Comunicazione e Organizzazione per l'Arte Contemporanea all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Collabora attualmente con l'artista piacentina Claudia Losi e scrive per alcune riviste d'arte online e giornali piacentini.

Ultimi post di Francesca Paola Comolli (vedi tutti)

Rispondi