Enrique Ramirez

enrigque

Enrique Ramirez. Nato nel 1979 a Santiago del Cile. Ha conseguito un master in arte contemporanea e nuovi media allo Studio Nazionale di Arte Contemporanea Le Fresnoy, Francia.

Il lavoro di Enrique Ramirez potrebbe essere descritto come incursioni poetiche verso l’umanizzazione delle distopie contemporanee. I suoi film-installazioni e fotografie hanno a che fare con la politica dell’esodo e dell’esilio e con la discontinuità della memoria, ma per Ramirez questo significa sempre una faticosa ricerca di un immaginario soggettivo. I vasti paesaggi che spesso appaiono nelle sue opere sono concepiti come spazi geo-poetici per l’immaginazione, territori aperti alla visione e alla deambulazione. L’umore delle immagini è contemplativo; il paesaggio, la brezza, l’acqua, la sabbia, tutto sembra essere unito nel tentativo di offrire una visione soggettiva.

La metodologia di Ramirez è in qualche modo anche una topografia umana, molte delle sue opere coinvolgono interviste e raccolte di testimonianze personali sullo spostamento. Anche se queste testimonianze visive e orali sono lavorate e ritessute nelle sceneggiature dei suoi film o nei testi che accompagnano le fotografie, le narrazioni frammentarie risultanti non sono trascrizioni, ma traduzioni poetiche del materiale raccolto. I suoi testi visivi operano, come egli stesso afferma, allo stesso tempo come “immagini e immaginari”. Come le immagini riprese con la sua macchina fotografica, più che un luogo specifico, i testi presentano una forma immaginaria di trovarsi in un luogo, un posto soggettivo.

The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Rispondi