Apparatus 22. Subtitles

AApparatus22StudyonSUPRAINFINITE

AApparatus22StudyonSUPRAINFINITE

Il nome scelto dagli Apparatus 22 per il loro doppio intervento all’Edicola Radetzky e Radio Banda Larga è Subtitles C1-C2, in riferimento al cinema e all’idea di tradurre in inglese le inspiegabili emozioni estratte da un mondo (quasi) impossibile.

L’architettura dell’Edicola Radetzky diventa così una capsula in cui speciali emissari forniscono testimonianze da SUPRAINFINIT per iniziarci a un sistema di pensiero in cui la speranza è usata come strumento critico per la società.

Solitamente la critica si fonda sulla razionalità- intesa come assenza di contraddizioni o come la loro conciliazione o la loro sistematizzazione- mentre la speranza autentica è intrinsecamente paradossale. Fondendo la critica e la speranza l’una con l’altra, assistiamo a un tanto doloroso, quanto affascinante cambio di paradigma che non permette né l’illusione di un metalinguaggio, né pensieri di comodo. Tale cambiamento è anche un test sia per il potere del linguaggio come forza recondita, sia per i suoi limiti nel descrivere questo processo.

Una faccia della medaglia è Subtitles C1 che è l’installazione all’interno di Edicola Radetzky dove  l’esperienza del SUPRAINFINIT è completamente destabilizzante- hope is mindfuck- perché la vera speranza è così scivolosa da afferrare. Così, tagliando le nostre menti con chiara nitidezza cristallina, questi pensieri potrebbero sconcertare chi trova più semplice crogiolarsi nel pessimismo e nell’amarezza. L’altra faccia della medaglia è Subtitles C2 un intervento radio che evoca la resa al sentimento di esaltazione collettiva per l’avvento del SUPRAINFINIT e allude all’immensa eccitazione per la notizia di un nuovo fiero mondo.

Apparatus 22 è un collettivo artistico transdisciplinare fondato nel gennaio 2011 dagli attuali membri Erika Olea, Maria Farcas, Dragos Olea e Ioana Nemes (1979-2011) a Bucarest, Romania. Dal 2015 tra Bucarest e Bruxells, Apparatus 22 si definisce come un collettivo di sognatori, ricercatori, attivisti poetici e futurologi (falliti) interessati all’esplorazione delle intricate relazioni tra economia, politica, studi di genere, movimenti sociali, religione e moda al fine di comprendere la società contemporanea. Un recente argomento di ricerca e di riflessione nella pratica di Apparatus 22 è l’universo SUPRAINFINIT: un tentativo di creare un mondo attraverso l’uso critico della speranza, navigando tra presente e futuro. Nei diversi lavori di Apparatus 22 – installazioni, performance, testi – la realtà si mescola con la finzione e la narrazione, e tutto si fonde con un approccio critico che attinge conoscenza ed esperienza dal mondo del design, della sociologia, della letteratura e dell’economia.

Il collettivo ha partecipato a mostre e festival: La Biennale di Venezia 2013, MUMOK, Vienna (AT), Brukenthal Museum Contemporary Art Gallery, Sibiu (RO), MAK, Vienna (AT), Steirischer Herbst, Graz (AT), Akademie Schloss Solitude, Stuttgart (DE), Salonul de Proiecte, Bucharest (RO), Museion, Bolzano (IT), TIME MACHINE BIENNIAL OF CONTEMPORARY ART, D-0 ARK UNDERGROUND, Konji (BIH), TRAFO Gallery, Budapest (HU), Futura, Prague (CZ), Ujazdowski Castle – Centre for Contemporary Art, Warsaw (PL), Württembergischer Kunstverein Stuttgart (DE), Contemporary Art Museum (MNAC), Bucharest (RO), KunstMuseum Linz (AT), Osage Foundation (Hong Kong), Progetto Diogene, Turin (IT), Drodesera Festival, Dro (IT), Young Artists Biennial, Bucharest (RO), Oberwelt, Stuttgart (DE), Galeria Nicodim, Bucharest (RO), GALLLERIAPIÙ, Bologna (IT), Nieuwe Vide, Haarlem (NL), Nest, Den Haag, (NL), Académie Royale des Beaux-Arts de Bruxelles (BE), CIAP, Hasselt (BE), etc.; Apparatus 22 lavora anche al di fuori degli spazi istituzionali, con performance in luoghi pubblici, interventi in spazi privati e alter forme ibride.

Clara Madaro vive e lavora a Torino dove è Ph.d Candidate in Filosofia del linguaggio presso il Consorzio  di dottorato del Nord Ovest (FINO) con in progetto Seguire le Istituzioni artistiche. Condizioni di esistenza, felicità e potere nel mondo sociale dell’arte contemporanea. Da tre anni è ideatrice e tutor del corso Filosofia per le pratiche artistiche per il Master di alta formazione sull’immagine contemporanea presso la Fondazione Fotografia di Modena.

Info:

Apparatus 22 – Subtitles
November 8, 2017 (opening at 6pm) – January 16, 2018
Edicola Radetzky
Viale Gorizia (Darsena) – Milano
www.edicolaradetzky.it
curated by Clara Madaro
with an intervention on Radio Banda Larga | www.radiobandalarga.it

Date/Time
Date(s) - 08/11/2017 - 16/01/2018
All Day

Location
Edicola Radetzky

Sto caricando la mappa ....
The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Ultimi post di julietartmagazine (vedi tutti)

Rispondi