Frieze 2013.

IMG_3016

Autunno, Regent’s Park, Londra. Foglie che s’ingialliscono e un via vai di cab anticipano con discrezione il cammino alla nutrita flotta di art lovers proveniente da ogni parte del globo, qui per Frieze Art Fair.

IMG_3016

L’undicesima edizione della fiera londinese, legata all’omonima rivista, ha coinvolto anche quest’anno 152 tra le gallerie d’arte contemporanea più importanti del mondo, provenienti da 30 Paesi, tra i quali: Brasile, Cina, Colombia, Ungheria, India, Corea, Messico e Sud Africa e raggiungendo i 70.000 visitatori. Per la prima volta i biglietti sono stati venduti ogni giorno a un pubblico qualificato e una nuova progettazione della fiera ha introdotto aree pubbliche più grandi, navate più ampie e un nuovo layout per gli spazi delle gallerie.
Per il secondo anno, dall’altro lato del parco, Frieze Masters, una fiera dedicata all’arte dall’antico al moderno. Il tutto ha dimostrato di essere una formula di successo. Insieme, le due fiere sono capaci di riunire un ampio spettro di pubblico dell’arte in aumento anno dopo anno.

IMG_3052

Alla selezione di gallerie quest’anno si sono aggiunte: Blum & Poe – Los Angeles, Marian Goodman – New York, Galerie Max Hetzler – Berlino, Goodman Gallery – Johannesburg, Maccarone – New York; Overduin e Kite – Los Angeles, e Rodeo – Istanbul.
Matteo Slotover e Amanda Sharp, gli ideatori, hanno commentato: “Abbiamo introdotto una serie di modifiche alla fiera di quest’anno con un nuovo layout e siamo rimasti molto soddisfatti della risposta. Unire le due fiere riesce a portare a Londra un pubblico eterogeneo che rende l’esperienza commercialmente e culturalmente gratificante. I progetti speciali, i film e la musica hanno beneficiato di un nuovo approccio quest’anno e sono stati estremamente ben accolti.”
Anche quest’anno due sezioni speciali: Focus, dedicata alle gallerie che hanno fino a dieci anni di vita e che presentano progetti specificamente concepiti per Frieze; e Frame, dedicata alle giovani gallerie che espongono presentazioni di un solo artista assistite dai curatori Rodrigo Moura e Tim Saltarelli.
Dominante la presenza delle gallerie di casa e di quelle newyorchesi. Le italiane presenti, nella sezione Main: T293 – Roma, Napoli, Giò Marconi – Milano, Massimo De Carlo – Milano, Noero – Torino, Raucci Santamaria – Napoli. Nella sezione Focus: Fonti – Napoli e la berlinese Supportico Lopez di origine napoletana. Nella sezione Frame: Fluxia – Milano.

IMG_3136

I galleristi sono stati soddisfatti ribadendo la centralità della fiera e di Londra. Rosa Signore di Marian Goodman: “La progettazione e il flusso di persone hanno trasformato la fiera di quest’anno e ci si sente molto più spaziosi “ – ha osservato – “ E’ stata una settimana molto buona e un ottimo modo per iniziare il nostro dialogo con Londra in vista dell’apertura della nostra galleria nel 2014. Abbiamo venduto opere di Gerhard Richter, William Kentridge e Pierre Huyghe, per citarne solo alcuni”.
Gagosian ha anche incontrato un pubblico nuovo, Millicent Willner ha osservato: “La risposta al lavoro di Jeff Koons a Frieze è stata fenomenale. Eravamo felici che così tante persone abbiano avuto la possibilità di vedere queste importanti opere spettacolari, in molti casi per la prima volta”.
Frieze, ancora una volta, ha dimostrato di essere il posto dove essere.

IMG_3098

IMG_3086

www.friezelondon.com

Gian Marco Tosti

The following two tabs change content below.
Giornalista, scrive per riviste di settore. Per aziende si occupa di consulenza in strategie di comunicazione, specialmente in ambito digitale ed editoriale, di redazione testi e social media marketing. E' stato editore e autore di guide, mappe e riviste web. Curatore d'arte contemporanea. Ama uno stile essenziale e senza tempo, la carta, i disegni, le mappe

Rispondi