Guendalina Cerruti

guendalina

La mia ricerca si sviluppa in ambito psicologico e pedagogico e più precisamente riflette sulla complessità con la quale percepiamo la realtà e sul rapporto diretto tra questa complessità e lo sviluppo affettivo, partendo da esperienze neonatali.  Attraverso l’analisi delle caratteristiche progettuali che definiscono un oggetto, come l’ergonomia, l’usabilità, la scelta dei materiali e delle loro proprietà, dei rivestimenti, delle proprietà meccaniche e strutturali, mi interessa decostruirlo, processarlo per riattivarlo e ricostruirlo come per restituirne una verità eclissata dalla prima forma.

Mi interessa l’aspetto narrativo dei materiali, la riflessione che si articola attraverso gli oggetti, per contrasto o avvicinamento, l’organizzazione e la giustapposizione delle più piccole componenti di ogni parte, così come la giustezza nella composizione delle diverse parti nello spazio. 
Molte delle mie ricerche nascono dall’incontro con degli ambienti, da un esperienza estetica ed emotiva all’interno di essi e dalla relazione psicofisica con gli elementi che lo caratterizzano. In questi termini la spazialità degli oggetti ricopre un ruolo centrale nella costruzione del lavoro, che dall’esperienza torna all’esperienza costruendola, reinventandola, per riattivarla e fissarla all’interno di nuovi habitat.

Non percepisco le mie installazioni come combinazioni statiche di oggetti, ma credo nel modo in cui essi possano essere ricombinati e riposizionati a seconda delle nostre necessità psico-fisiche e per soddisfare la nostra esigenza di comunicare con e attraverso gli oggetti. Mi interessa il concetto di presenza, definita in termini di qualità formale come costanza, continuità e prevedibilità, anche nel restituire una riflessione sui suoi contrari, penso sia un’apertura da parte del lavoro, una disponibilità emotiva. La casa, i suoi elementi strutturali, di arredo, la sua organizzazione interna e le sue attività influenzano molto la mia pratica artistica. Mi interessa quando Michel Foucault per parlare del suo rapporto con la scrittura parla della propria famiglia.

The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

1 Comment

  1. celest466 says: Rispondi

    bello

Rispondi