House of C.ar.D. Contemporary Art & Design. Arte e Design tra le valli piacentine

cover-card

“L’opera d’arte è un’interpretazione del mondo e nello stesso tempo un progetto per il suo futuro.” Paolo Baldacci

C.Ar.D. Contemporary Art & Design, la rassegna d’arte internazionale che dal 2014 trasforma, a cavallo dei mesi estivi, i palazzi storici e le valli piacentine in una galleria diffusa, ha compiuto tre anni.

Da un’edizione all’altra, gli artisti invitati da Paolo Baldacci, Giulia Pellegrino, Donatella Volonté e Daniela Volpi, e selezionati da un board di consulenti formato da Cristina Baldacci, Giacinto Di Pietrantonio, James Hyde, Barney Kulok e Franco Raggi per la sezione dedicata al design, sono chiamati a confrontarsi con la storia e il fascino dei luoghi a loro affidati – archeologie rurali e industriali dismesse, luoghi d’aggregazione sociale andati dimenticati e ville e castelli normalmente non fruibili al pubblico –, attraverso le loro opere, per riscoprire un territorio dalle innumerevoli risorse, non solo naturali e gastronomiche, ma anche storiche e artistiche quali sono Piacenza e le sue valli.

Il cuore della terza edizione – disseminata lungo 36 km in Val Tidone – è l’ex Consorzio Agrario di Agazzano, edificio risalente alla fine degli anni Trenta del secolo scorso, che, oltre ad accogliere 3 interventi, è la sede in cui si tengono le proiezioni cinematografiche e gli incontri in programma. Insieme all’installazione multimediale dell’artista caucasica Anna K.E. e del suo compagno Florian Heisenberg e ai pneumatici, tazzine da caffè, stringhe colorate – residui dei nostri consumi, bisogni e ricordi recuperati dalle discariche – delle installazioni dell’artista giamaicano Nari Ward, in una rudimentale sala cinematografica, Simone Bertuzzi e Simone Trabucchi, alias Invernomuto, proiettano Negus, il loro primo lungometraggio, ispirato a una storia realmente accaduta a Vernasca, in provincia di Piacenza, loro città natale.

Le altre locations riaperte sono: l’Oratorio San Francesco e San Carlo a Località Strà di Nibbiano, edificio della seconda metà del XVII secolo di proprietà privata che accoglie i gioiosi colori delle tele astratte modulari di Patricia Trieb (USA); il Bocciodromo di Pianello Val Tidone con gli scatti di Lucas Blalock (USA) e Chris Wiley (USA) – campioni della New Photography che attraverso tecniche inverse raggiungono esiti neo pittorici – e i “colori” dell’artista milanese Maria Morganti e i Magazzini degli anni ’50 di via Mascaretti nella stessa località dove sono esposti gli stracci dipinti del flâneur moderno Joe Fyfe (USA). Infine, Molino Calcagni e il Consorzio Agrario, entrambi a Piozzano, accolgono i lavori degli architetti e designer Martine Bedin (Francia), Sergio Maria Calatroni (Pavia), Giulio Iacchetti (Castelleone), Matali Crasset (Francia) e le sculture leggerissime di ferro e acciaio di Matt Keegan (USA) a confronto con gli assemblamenti gelidi di porte e finestre di Ulrich Egger (Bolzano).

Oltre all’attività espositiva, C.Ar.D, attiva workshops e residenze temporanee per artisti, nonché un processo collaborativo di crowdfunding per l’adozione di un’opera da collocare stabilmente nel territorio. 

Dal 9 Luglio al 9 Ottobre 2016
http://www.cardcard.it/

Nari-Ward-

Nari Ward, TranStranger Café, 2012. Tavoli, tazze, caffè, cm 280 x 190 x 350, Opera unica. Courtesy dell’artista e Galleria Continua, San Gimignano/Beijing/Les Moulins/Habana. Photo by Marco De Scalzi

consorzio-agrario-Piozzano

Consorzio Agrario, Piozzano. Photo by Marco De Scalzi

florian-meisenberg_anna-ke

Anna K.E. & Florian Meisenberg, Mythological Grind & Facial Disorders, 2016. Dimensioni ambientali. Courtesy degli artisti e Simone Subal Gallery, New York. Photo by Marco De Scalzi

ulrich-egger

Ulrich Egger, L’anno che verrà, 2012. Fotoprint, cornice in legno e plexiglas
, cm 190 x 128 x 25. Courtesy dell’artista. Photo by Marco De Scalzi

Patricia-Trieb

Patricia Treib, Plant Variation, 2015-2016. Olio su carta, cm 19,05 x 13,97
. Courtesy dell’artista e Kate MacGarry, London
Photo by Marco De Scalzi

 

The following two tabs change content below.
Classe 1986, Francesca risiede e lavora a Piacenza. Dopo essersi laureata al Dams di Bologna in Storia dell'Arte, si è diplomata in Comunicazione e Organizzazione per l'Arte Contemporanea all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Collabora attualmente con l'artista piacentina Claudia Losi e scrive per alcune riviste d'arte online e giornali piacentini.

Ultimi post di Francesca Paola Comolli (vedi tutti)

Rispondi