“Illusions” di Gianni Otr

Gianni Otr, Flowers, courtesy Con-fine

Nella pratica estetica di Otr, nutrita di suggestioni filosofiche orientali, la costante ricerca di autenticità rivela progressivamente il mondo sensibile secondo gradazioni di liberatoria lucidità.

Gianni Otr, Flowers, courtesy Con-fine

Gianni Otr, Flowers, courtesy Con-fine
 

Otr, nome d’arte di Gianni Baggi, non ha un significato definibile: rimanda a un suono di sottofondo, a un’indecifrabile espressione di attrito tra interiorità ed esteriorità. Nutrita dal valore percettivo del riflesso, la fotografia di Otr si allontana progressivamente dalla volontà di rappresentazione dei fenomeni, in una dialettica di recupero d’individuali ragioni creative e di dialogo fecondo con le istanze portanti dell’avanguardia storica e della contemporaneità. Tanto i risultati quanto i mezzi della produzione del fotografo si distaccano, in questo senso, dalla tradizione.
La macchina fotografica non è più l’essenziale strumento che può consentire il raggiungimento di finalità stilistiche. L’opera si basa su una fertile interazione tra momento dello scatto e fase preparatoria. I Mirrotr, particolari installazioni di specchi create dallo stesso fotografo, oltre a rappresentare delle vere e proprie creazioni compiute in se stesse, vengono momentaneamente immortalati per essere rimodulati all’interno di un percorso generativo dell’immagine.

Gianni Otr, Illusions, Con-fine Edizioni

Gianni Otr, Illusions, Con-fine Edizioni
 

Il libro d’artista Illusions, recentemente pubblicato nella Collana Passeurs da Con-fine Edizioni con una prefazione di Gino Fienga, formalizza il definitivo distacco di Gianni Baggi dal mestiere di fotografo professionista, per ricondurre il fine del suo lavoro alla ricerca estetica tout-court.
La sua pratica sembra nutrirsi di suggestioni di matrice filosofica orientale. L’ideale dell’autore è la conquista di un mantra, un vero e proprio veicolo strumentale del pensiero. La rappresentazione illusionistica dell’universo concreto passa, per mezzo di questi stessi filtri di approdo spirituale, tra le sfaccettature del quotidiano. Osservato in maniera diversa, in una costante ricerca di autenticità, il mondo si rivela secondo gradazioni di progressiva e liberatoria lucidità.
Il libro si chiude con alcuni testi programmatici dello stesso Otr. In “Allo Specchio”, l’artista definisce la propria poetica insistendo sul valore del suo medium privilegiato: una collezione d’installazioni riflettenti capace di condurre l’immagine definita dalla scomposizione all’astrazione concettuale. La funzionalità essenziale dell’intervento della luce e il ribaltamento ingannevole delle immagini riflesse completano la teorizzazione di una modalità estetica. In “Arte Contemporanea e Fotografia: Componenti Importanti della mia Esistenza”, Gianni Baggi descrive il proprio percorso concettuale, individuando i processi creativi come mezzi di auto-analisi e la contaminazione come risultato che sappia contenere e appianare le inevitabili problematicità. In conclusione, il testo critico di Savino Marseglia delimita lo spazio d’azione dell’arte di Otr come campo d’indagine relazionale e collettiva, in controtendenza rispetto alla comune sensibilità di ricezione del linguaggio visivo. Ricreando in chi osserva uno stato d’instabilità percettiva, l’artista mira, di volta in volta, a produrre una mimesi delle infinite e mutabili forme della natura e del progresso.

Titolo: Illusions
Autore: Gianni Baggi
Anno: 2013
Collana: Passeurs
Curatore: Gino Fienga
Genere: Monografia d’Artista
ISBN: 978-88-96427-50-7
Lingua: Italiano / Inglese
Pagine: 72 su carte miste
Traduttore: Luca Zappa
Price: € 20.00
http://www.con-fine.com

The following two tabs change content below.
Ivan Fassio (Asti, 1979), scrittore, performer, critico d'arte, curatore, organizzatore di manifestazioni letterarie. Il suo primo libro, "Fuori fuoco", è stato pubblicato per le Edizioni Smasher con una prefazione di Ezio Gribaudo. Ha ideato, insieme al compositore Diego Razza, la performance d'interazione poeticomusicale "Mystic Gallery Show". Cura, insieme a Fabrizio Bonci, la rassegna multidisciplinare "Oblom Poesia".

Rispondi