Ilulissat. Otto Olaf Becker

cover

Fin dai tempi degli antichi greci, e ancor prima, l’uomo ha indagato, usando la ratio ma anche il sentimento, il suo rapporto con la natura, con la Madre Terra. Nessuno ha potuto esimersi, almeno una volta, dal porsi domande su di essa, rimanendone estremamente affascinatoo, come nel caso leopardiano della natura matrigna, completamente atterrito. Soprattutto, nessuno ha potuto non interrogarsi su quanto l’uomo abbia influito, negativamente, su di essa con sconsiderate pratiche distruttive che, in modo permanente, hanno lasciato tracce visibili in luoghi, spesso, distanti dai nostri occhi. L’esposizione Ilulissat del fotografo tedesco Olaf Otto Becker, curata da Camilla Boemio presso gli spazi della Galleria Anteprima d’Arte Contemporanea di Roma, mette in risalto proprio questo. Il fotografo, infatti, attraverso diverse spedizioni in solitaria, con un piccolo gommone Zodiac, lungo la costa occidentale della Groenlandia, si è fatto testimone degli effetti che la sovra-popolazione di alcune di queste regioni remote, e non solo di quelle, ha avuto su territori in cui la natura dovrebbe essere l’unica e sola protagonista.

Montagne di ghiaccio, interrotte da squarci, cavità e fratture, riposano adagiate su di uno specchio d’acqua che riporta, romanticamente, il riflesso di un mondo fortemente consumato, animato, ancora, da poetici giochi di luci che si tingono di azzurri e rosa, scomparendo poi nell’assolutezza del bianco.

Da sempre interessato alla fotografia di paesaggio, facendosene esponente da più di venticinque anni, Becker indaga con senso artistico e ancor più scientifico, questo mondo solo in apparenza quieto e statico, la sua luminosità irreale che permane, in alcuni periodi, più a lungo che in qualunque altra parte del mondo. Seguendo una rotta già tracciata con le spedizioni del XIX secolo e, ancor più, attualizzando le tematiche presenti nella pittura del Settecento e dell’Ottocento, il fotografo tedesco si fa esploratore ed eremita per fermare nel tempo la purezza di questi immensi spazi, carichi di bellezza e di inquietudine.

Ilulissat è il titolo di questa esposizione ma è anche il nome di un villaggio nella Baia di Disko in Groenlandia, il cui habitat naturale è ritratto, con meticolosa precisione, nelle fotografie di grande formato prodotte da Becker attraverso un lavoro paziente e contemplativo, fatto di attese e respiri sospesi. Queste atmosfere si traducono, durante la visita in galleria, in un sentimento infinito di libertà e pace accompagnato, però, da un appena percepibile strano turbamento che conduce il visitatore ad un’attenta riflessione sui profondi cambiamenti del nostro pianeta.

Ilulissat. Otto Olaf Becker solo exhibition
Galleria Anteprima d’Arte Contemporanea – Roma
Curata da Camilla Boemio
Fino al 5 Marzo 2016
www.anteprimadartecontemporanea.it

Olaf-Otto-Becker,-Ilulissat,-Courtesy-of-the-artist(6)

Olaf Otto Becker, Ilulissat, Courtesy of the artist

Olaf-Otto-Becker,-Ilulissat,Courtesy-of-the-artist(2)

Olaf Otto Becker, Ilulissat, Courtesy of the artist

Olaf-Otto-Becker,-Ilulissat,-Courtesy-of-the-artist

Olaf Otto Becker, Ilulissat, Courtesy of the artist

Olaf-Otto-Becker,-Ilulissat,-Courtesy-of-the-artist(3)

Olaf Otto Becker, Ilulissat, Courtesy of the artist

Olaf-Otto-Becker,-Ilulissat,-Courtesy-of-the-artist(4)

Olaf Otto Becker, Ilulissat, Courtesy of the artist

Olaf-Otto-Becker,-Ilulissat,-Two-golden-caves,-2014,-Courtesy-of-the-artist

Olaf Otto Becker, Ilulissat, Courtesy of the artist

The following two tabs change content below.

Alessia Cervelli

Laureata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università di Roma La Sapienza, intraprende fin da subito un percorso multidisciplinare che la porta a svolgere attività curatoriali indipendenti e di critica, affiancate a ricerca e catalogazione in ambito istituzionale. Da sempre legata al mondo della scrittura, porta avanti la propria passione sia in campo “giornalistico” sia letterario, rivolgendo, inoltre, una particolare attenzione alla pittura e alla fotografia. Attualmente vive e lavora a Roma.

Ultimi post di Alessia Cervelli (vedi tutti)

Rispondi