Kopfstand. Mostra e presentazione del libro

Neumann_Kopfstand

Il 2 dicembre 2014 la galleria Egbert Baqué Contemporary Arts ha inaugurato l’ultima mostra dell’anno. L’esposizione, dal titolo Kopfstand, nasce dall’incontro tra lo scrittore turco naturalizzato berlinese Aras Ören e Wolfgang Neumann, artista e musicista che rappresenta la galleria dal 2009.Kopfstand è il titolo dell’ultimo libro di Ören, pubblicato a novembre dalla casa editrice Verbrecher Verlag e raccoglie una serie di racconti editi per la prima volta in tedesco, o precedentemente disponibili solo in poche edizioni, rielaborati appositamente per questo volume e illustrati da Wolfgang Neumann.

La fertile unione tra arte e letteratura si realizza nell’esposizione, presso la galleria, dei quarantotto disegni a matita stampati in Kopfstand e di altre cinque tele realizzate dall’artista tedesco in onore del 75esimo compleanno di Aras Ören. Nelle stanze della galleria viene alla luce un mondo, nato tra le righe di Kopfstand, dove i racconti prendono vita davanti ai nostri occhi e popolano le pareti bianche di personaggi e storie, raccontandoci ciò che rappresentano: il sogno di ogni lettore appassionato, poter camminare tra le pagine di un libro. Dopo più di dieci anni di assenza dalla scena letteraria tedesca, Ören annuncia con questo volume il suo ritorno alla letteratura (il suo ultimo libro Der Haifisch in meinem Kopf è stato pubblicato nel 2000). In onore dell’uscita del libro e del settantacinquesimo compleanno dello scrittore la galleria Egbert Baqué Contemporary Art ha pubblicato uno scritto commemorativo dal titolo Ceci n’est pas une Festschrift con testi dei colleghi scrittori Friedrich Christian Delius, Peter Schneider e Jürgen Theobaldy e comprendente cinque ulteriori tele ad olio create da Wolfgang Neumann. Ceci n’est pas une Festschrift – il titolo è per qualche motivo ispirato a un celebre dipinto del surrealista belga René Magritte – è disponibile in galleria e prossimamente anche in libreria.

Aras Ören nasce nel 1939 a Istanbul e si trasferisce nel 1969 a Berlino. È stato redattore della SFB e capo della redazione turca di Radio Multikulti per la RBB. Nel 1981 ha ricevuto un tributo dall’Accademia Bavarese di Belle Arti, nel 1985 ha ricevuto il Premio Adelbert-von-Chamisso, e nel 1999 ha ottenuto una cattedra in Poetica all’Università di Tubinga. Dal 2012 è membro dell’Accademia di Belle Arti di Berlino. Ören scrive in turco e collabora alla traduzione dei suoi testi in tedesco. Tra le sue opere più conosciute: “Was will Niyazi in der Naunystrasse” (1973), “Privatexil” (1976), “Deutschland. Ein türkisches Märchen” (1978), “Bitte nix Polizei” (1981), “Berlin-Savignyplatz” (1995) e “Sehnsucht nach Hollywood” (1999).
Wolfgang Neumann (Filderstadt, 1977) ha studiato pittura, disegno e design intermediale presso l’Accademia di Belle Arti di Stuttgart. Il suo impegno non si limita alla pittura ma spazia anche tra letteratura e musica. Dal 1998 al 2009 ha fatto parte della band mafioso-groove-pop “die drahtzieher” e dal 2012 è cantante, compositore e scrittore per i progetti della band “Art-Attacke” della quale è uscito quest’estate il primo CD Gammel Royal sotto l’etichetta Rundgruppe. Tra le ultime mostre personali: “FLASHLIGHT & BLACKOUT” alla galleria Egbert Baqué, “Labile Seitenlage” Stadtgalerie di Markdorf, “Peak Flow” al Dettinger Kulturpark, Plochingen, “Rag Time”, Galerie Grandel, Mahnheim e “Ho Spital Collateral”, Stadtmuseum im Spital, Crailsheim.

Il lavoro di Wolfgang Neumann riflette su come i media consumano e standardizzano la maniera in cui guardiamo e capiamo il mondo. I soggetti delle opere di Neumann sono personaggi e immagini che conosciamo bene, tratti dal mondo della televisione e dei media. Queste figure, disfatte della loro patina da rivista, sono raffigurate in composizioni surreali e grottesche. Le opere dell’artista, come i soggetti e i concetti che rappresentano, sono realizzate con colori forti e vividi e pennellate corpose. Oltre ai dipinti Neumann realizza anche disegni a matita, dove gli strati di grafite si sommano portando alla luce figure vibranti e tese che sfuggono con forza alla plasticità della carta.
La mostra termina il 24 dicembre presso la galleria Egbert Baqué Contemporary Art, a Fasanenstrasse 37, Berlino. Per maggiori informazioni visitate il sito.

Valentina Bronzini

Neumann_Kopfstand

Wolfgang Neumann, Kopfstand

Neumann_Kopfstand_01

Wolfgang Neumann, Kopfstand

Neumann_ritrattoArasOren

Wolfgang Neumann, Ritratto di Aras Oren

The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Rispondi