Macchina per Azioni

macchina-azioni

Torino – Presentata con una performance e divenuta soggetto, insieme al suo ideatore, di un video di prossima uscita, la Macchina per Azioni sarà esposta presso Gagliardi Art System fino al 27 Aprile. Un’installazione capace di declinare nuove forme, che sa nutrirsi, allo stesso tempo, di condivisione e arbitrarietà…La Macchina per Azioni è un’installazione composta da un corpo centrale, di forma quadrata, simile a una cassettiera con maniglie. I cassetti sono dotati di lucchetti di sei colori corrispondenti a quelli degli altrettanti sedili, su cui si può accomodare il pubblico. Gli spettatori volontari, che intendono interagire con il lavoro di Castagnotto, sono chiamati a scegliere delle biglie di diverso colore da un vassoio inserito di fronte alla loro postazione. La scelta della biglia ci fa capire se lo spettatore vuole accettare il rischio (bianco), rifiutare l’offerta di collaborazione (nero), o astenersi (verde) perché sprovvisto di denaro. Se tutti i partecipanti scelgono di mettere a disposizione dell’artista una somma, si creano le condizioni per il funzionamento di questa macchina di relazione. Allo stesso modo, quando tutti gli “attori” si saranno dimostrati convinti di voler procedere con la scommessa, ognuno di essi potrà estrarre la chiave, riposta al centro di un disco affiancato al sedile: avrà inizio, così, il processo di accensione della Macchina, che coinciderà con il rituale di fruizione dell’esperienza estetica. Ogni partecipante, aprendo il lucchetto del cassettto con la chiave corrispondente, riporrà segretamente la cifra di denaro da scommettere. Una volta che l’operazione  sarà completata da tutti i partecipanti, i soldi verranno convogliati, con l’aiuto dell’autore e delle sue assistenti, in un contenitore trasparente dal quale saranno raccolti per essere ridistribuiti.

L’intero evento non è fondato sull’eventualità di vincere o di perdere, ma sulla possibilità di recuperare il contributo investito in base all’onestà dei partecipanti e alle condizioni di trasparenza che la relazione innescata riesce ad attivare tra gli spettatori.
Questo prototipo linguistico rivela l’uso estetico del denaro, tralasciando il suo significato convenzionale e focalizzando l’attenzione del pubblico sulle dinamiche che impongono determinati comportamenti all’interno della società. Si tratta di un ritorno all’arte come riflessione e domanda aperta sulle categorie logiche della percezione dei dispositivi di attribuzione di senso. Il valore dei soldi viene ricondotto ai meccanismi di relazione che, talvolta, sottende, talaltra sollecita. Il richiamo all’estetica recupera l’accezione propria della disciplina, intesa originariamente come pratica sensibile, esercizio logico, consulto comunitario, perorazione retorica all’interno di definite dinamiche sociali. La risposta non è conclusiva, radicale, stabile: il linguaggio della domanda si ripresenta a se stesso in chiave di appropriazione, tautologia chiarificatrice, delucidazione, precisazione.

Parte integrante del ciclo delle Macchine Svelate, l’opera si pone come simulazione di strutture fondanti di altrettante pratiche estetiche. Esposte nel 2012 negli stessi spazi di Gagliardi Art System, la Macchina della Lettura, il Baule, la Macchina per la Lettura dei Sassi riproducono il funzionamento, rispettivamente, dell’ordine significante della lettura, della grammatica della pittura e delle operazioni di significazione di azioni aleatorie. Passando attraverso questi interventi performativi di sintesi, tali gesti cessano di essere linguaggi assoluti tradizionali e perdono il loro statuto di convenzioni: per trovare ragion d’essere al loro stesso interno e per proporsi come risultati di una dialettica di avvicinamento rituale.

Dal 14 marzo al 27 aprile 2013
Michelangelo Castagnotto – La Macchina per Azioni
Gagliardi Art System
Via Cervino, 16
10155 Torino
Orari: mar/sab h. 15.30/19.00
Ingresso libero
t. +39 011 19700031
e. gallery@gasart.it
http://www.gasart.it

macchina-azioni0

Michelangelo Castagnotto, La Macchina per Azioni, 2013, courtesy GAS – Gagliardi Art System

macchina-azioni

Michelangelo Castagnotto, La Macchina per Azioni, 2013, photo by Tommaso Mattina

La Macchina della Lettura (4)

Michelangelo Castagnotto, La Macchina della Lettura, 2011, photo by Piero Ottaviano

The following two tabs change content below.
Ivan Fassio (Asti, 1979), scrittore, performer, critico d'arte, curatore, organizzatore di manifestazioni letterarie. Il suo primo libro, "Fuori fuoco", è stato pubblicato per le Edizioni Smasher con una prefazione di Ezio Gribaudo. Ha ideato, insieme al compositore Diego Razza, la performance d'interazione poeticomusicale "Mystic Gallery Show". Cura, insieme a Fabrizio Bonci, la rassegna multidisciplinare "Oblom Poesia".

Rispondi