L’arte contemporanea fa acqua

Kalahari

Quando un artista firma borsette di marche famose o esce un film sulla sua vita la notizia non tarda a fare scalpore e tutti si formano un’opinione a riguardo, ma quando l’arte si fa veicolo di una battaglia sociale spesso nessuno ne parla.Il progetto Kalahari Catalyst punta a migliorare la qualità della vita a Utikom e Andriesvale, due villaggi del deserto del Kalahari in Sud Africa, attraverso la combinazione di arte, permacultura ed educazione. Questa volontà di avvalersi di mezzi culturali per ottenere una trasformazione sociale – nata da un gruppo d’artisti e attivisti internazionali e del Sud Africa, con competenze che variano dall’educazione ai lavori sociali, dall’arte visiva all’agronomia, dall’ingegneria ambientale all’etno-botanica – consentirà alle due comunità di avere maggiore accesso all’acqua potabile e di coltivare frutta e verdura a livello locale. Circa, infatti, il 40-60% delle pompe d’acqua in Africa stanno cadendo in rovina.

Il progetto Kalahari Catalyst vuole rimpiazzare le pompe di gasolio con pompe a energia solare e lavorare con i membri della comunità per piantare due giardini progettati secondo i dettami della permacultura, uno in ogni villaggio. All’interno del progetto, le attività artistiche, organizzate per individui di tutte le età e con diverse abilità, hanno come obiettivo quello di creare uno spazio per l’apprendimento e per la costruzione di un senso di condivisione della proprietà delle pompe e dei giardini. Inoltre, saranno organizzati workshop e attività varie allo scopo di analizzare il valore simbolico dell’acqua, del cibo e del lavoro cooperativo, e di produrre manufatti artistici che combinino valori estetici e funzionali. Questi prodotti artigianali, insieme a opere donate da artisti italiani non in loco, saranno vendute in seguito a un’asta di beneficenza che contribuirà a finanziare le fasi successive del progetto.

Il team di Kalahari Catalyst è composto da sette artisti visivi: Valentina Argirò (IT), Raphael Franco (BR), Indigo (CAN), Juma Mkwela e Willard Kambeva (ZIM/SA), Raw Tella (IT) e Andrzej Urbanski (POL/GER), un artista/guerrilla gardener: WayWordSun e di 2 ricercatrici in dinamiche sociali e scientifiche: Linzi Lewis (SA) e Valentina Mandirola (IT).
Il progetto partirà ufficialmente all’inizio del 2013, anche se è già possibile sostenerlo tramite una libera donazione sul sito http://www.indiegogo.com/kalaharicatalyst. Per seguirne, inoltre, ogni fase di sviluppo anche dall’Italia è sufficiente visitare il sito http://kalaharicatalyst.com/.


Photo by Sydelle Willow Smith, taken during Jullard Creations art workshops in Khayelitsha, June 2012.

Kalahari Catalyst Project

Kalahari Catalyst Project

The following two tabs change content below.
Classe 1986, Francesca risiede e lavora a Piacenza. Dopo essersi laureata al Dams di Bologna in Storia dell'Arte, si è diplomata in Comunicazione e Organizzazione per l'Arte Contemporanea all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Collabora attualmente con l'artista piacentina Claudia Losi e scrive per alcune riviste d'arte online e giornali piacentini.

Ultimi post di Francesca Paola Comolli (vedi tutti)

Rispondi