“L’arte è la menzogna che ci permette di conoscere la verità.”

IMM 3 cardoni

Artista pesarese classe 1987, Giacomo Cardoni nelle sue svariate operazioni artistiche cerca di “materializzare”, senza scadere nell’ovvio e banale, il concetto di Umanità e di investigarlo per difenderlo dagli abusi e dalle delimitazioni a cui lo sottopone la contemporaneità.
Laureato in Sociologia a Urbino e diplomato in Terapeutica Artistica all’Accademia di Brera, Giacomo utilizza la ricerca artistica – performance, illustrazioni, installazioni e laboratori d’Arte Terapia – come strumento per sviluppare veri e propri scambi relazionali, innescati dalla condivisione con lo spettatore di atti creativi.

Giacomo Cardoni, Ser Zara, illustrazione a china, 29 x 21 cm, 2012, uscita sul periodico online ViverePesaro
 

Appassionato e affascinato dagli intenti di Alfredo Jaar e dalla sua arte sociale, ma anche dai muri dello street artist BLU che utilizza il disegno come mezzo per portare avanti un percorso di critica, provocazione e analisi sociale profonda, dal 2010 Giacomo – che a livello di formazione artistica preferisce definirsi autodidatta non avendo in realtà mai seguito un corso tecnico – ha partecipato a numerose collettive non solo in Italia ma anche in Spagna e Portogallo e collaborato a vari progetti culturali, la maggior parte a Pesaro: Novapicena, Mitologie Urbane e Perepepè sono solo alcuni esempi.

Giacomo Cardoni, fotografia scattata durante la creazione di Cammino interiore un’illustrazione a china su asfalto, Perugia
 

All’interno del progetto Perepepè, tenutosi al Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro fino allo scorso 21 ottobre e nato da una comunità d’artisti e cercatori che fanno riferimento ad un luogo non “fisico” ma del web chiamato Radio Pereira, Giacomo Cardoni è stato “L’ospite custode” degli spazi, delle relazioni e delle narrazioni offerte dai cittadini pesaresi in corso d’opera. Da questa performance è nato Pisaurum, una macro illustrazione a muro di 26 metri che l’artista ha disegnato nell’arco del festival – un umanoide gigante, visibile nel suo insieme da lontano, fatto di 95.153 piccoli uomini, da ultimo censimento degli abitanti di Pesaro, che si mescolano, s’incastrano e si muovono personalizzati dall’artista grazie agli aneddoti raccontati da ciascun cittadino –. Il desiderio di Giacomo di sperimentare nuove forme di scambio, di relazione, di lavoro e perchè no di fare arte, è inarrestabile. Nasce proprio in questi giorni il suo nuovo progetto – Adotta un artista – grazie al quale chiunque può diventare un Mecenate dell’arte e ospitare a casa sua il suo artista personale, commissionargli opere e aiutare Giacomo Cardoni a portare avanti la sua investigazione artistica legata alla relazione.

Giacomo Cardoni, Mondo Hum, illustrazione a china, 43 x 29 cm, 2012 (Granada)

Giacomo Cardoni, Pisaurum, particolare della macro illustrazione
 

http://giackpot.wordpress.com
http://novapicena.wordpress.com/
http://www.mitologieurbane.it/
http://www.perepepe.org/
http://adottaunartista.wordpress.com/

 

The following two tabs change content below.
Classe 1986, Francesca risiede e lavora a Piacenza. Dopo essersi laureata al Dams di Bologna in Storia dell'Arte, si è diplomata in Comunicazione e Organizzazione per l'Arte Contemporanea all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Collabora attualmente con l'artista piacentina Claudia Losi e scrive per alcune riviste d'arte online e giornali piacentini.

Ultimi post di Francesca Paola Comolli (vedi tutti)

Rispondi