Riflessioni e memoria dal Medio Oriente: fotografie “Out of Time” di Siniša Vlajković

Sinis¦îa Vlajkovic¦ü - FATHER FIGURE I, T ripoli, Lebanon, 2004

Il Medio Oriente, un nuovo millennio e una macchina fotografica. Così comincia questa storia, la storia di Siniša Vlajković. Nato a Belgrado nel 1969, inizia la sua carriera nel campo del graphic design e nella pubblicità lavorando come art director per le maggiori agenzie pubblicitarie di Londra, Belgrado, Beirut, Abu Dhabi e Dubai. Influenzato dai numerosi stimoli visivi che compongono il suo lavoro, dal 1995 intraprende un percorso fotografico personale, lavoro che lo Spazio Arte di Cubo a Bologna ospita fino al 6 Gennaio con l’esposizione Out of Time – Riflessioni e memoria dal Medio Oriente.

La mostra, curata dallo storico dell’arte ungherese Zoltán Somhegyi, s’inserisce all’interno del progetto IN-CUB-AZIONI, serie di eventi organizzati dal Centro Unipol Bologna che hanno come protagonisti artisti internazionali e quale scopo primario la diffusione di percorsi culturali che avvicinino la città alla scena artistica mondiale. In particolare, Out of Time rappresenta una prima assoluta del fotografo serbo in Italia, in cui attori principali sono venti fotografie il cui soggetto, il Medio Oriente, viene presentato nella sua quotidianità fatta, a volte, d’incongruenze e presenze fuori contesto.

Fuori dal tempo è un titolo alquanto rappresentativo; il fotografo, infatti, si pone quale osservatore esterno, affidando all’oggettività del suo obiettivo il compito di cogliere i particolari più significativi di questo viaggio attraverso terre in parte da scoprire e in parte familiari, terre che per più di un decennio lo hanno ospitato. Ne risulta, però, una realtà falsata dalle emozioni, non più semplice rappresentazione di un quotidiano lontano e diverso da quello di Vlajković, così come il fotografo stesso si era prefissato, ma un cammino tra i ricordi della sua infanzia passata nella ex Jugoslavia. Ricordi che non possono che trasformarsi in similitudini; oggetti, luoghi, anche la desolazione di un parco giochi, suscitano in lui, e nello spettatore, una reazione inaspettata, un moto interiore che va ben oltre la semplice osservazione, il punctum tanto caro a Roland Barthes. Così un negozio con una vecchia foto, un portachiavi con l’immagine di Cristo o una stanca donna seduta tra le mura di un cadente cortile, scattate tra Damasco, Dubai e Tripoli, possono ricondurre la mente a vecchie reminiscenze.

Essere fuori e dentro al tempo contemporaneamente, come se il flusso della memoria si legasse a ciò che memoria non è, divenendo spunto riflessivo ed espressione di un sentimento profondo, venato da una nostalgia sottesa ma pur sempre presente. All’interno degli spazi di CUBO, nato in occasione dei 50 anni di attività di Unipol come luogo dove arte e tecnologia potessero incontrare la storia e l’identità del Gruppo, non poteva mancare, poi, un’iniziativa che rendesse interattiva la mostra. Grazie a una APP realizzata appositamente per questo progetto espositivo, infatti, è possibile inquadrando dei punti indicati nelle fotografie, ottenere maggiori e più dettagliate informazioni sulla foto e sull’artista, iniziativa che rende ancor più completo questo viaggio dentro, e con, l’artista.

Out of Time. Riflessioni e memoria dal Medio Oriente
Siniša Vlajković solo exhibition
a cura di Zoltán Somhegyi
CUBO, Centro Unipol Bologna, Spazio Arte – Bologna
16 Settembre 2014 – 6 Gennaio 2015
www.cubounipol.it

Sinis¦îa Vlajkovic¦ü - FATHER FIGURE I, T ripoli, Lebanon, 2004

Sinisîa Vlajkovicü – FATHER FIGURE I, Tripoli, Lebanon, 2004

Sinis¦îa Vlajkovic¦ü - SPIRITUAL IGNITION , Damascus, Syria, 2004

Sinisîa Vlajkovicü – SPIRITUAL IGNITION , Damascus, Syria, 2004

Sinis¦îa Vlajkovic¦ü - PLAY STATION, Amma n, Jordan, 2008

Sinisîa Vlajkovicü – PLAY STATION, Amman, Jordan, 2008

Sinis¦îa Vlajkovic¦ü - TROJAN DINOSAURS, Dubai, UAE, 2012

Sinisîa Vlajkovicü – TROJAN DINOSAURS,  Dubai, UAE, 2012

The following two tabs change content below.

Alessia Cervelli

Laureata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università di Roma La Sapienza, intraprende fin da subito un percorso multidisciplinare che la porta a svolgere attività curatoriali indipendenti e di critica, affiancate a ricerca e catalogazione in ambito istituzionale. Da sempre legata al mondo della scrittura, porta avanti la propria passione sia in campo “giornalistico” sia letterario, rivolgendo, inoltre, una particolare attenzione alla pittura e alla fotografia. Attualmente vive e lavora a Roma.

Ultimi post di Alessia Cervelli (vedi tutti)

Rispondi