Riikka Kuoppala

Riikka Kuoppala_Couch, TV and VCR_2012_video installation_photo by Riikka Kuoppala

Come sappiamo ciò che è vero se la storia cambia ogni volta? Quali storie noi ascoltiamo, quale Storia è quella ufficiale? Quando una narrazione è elevata al rango di Storia Ufficiale, molte altre vengono dimenticate, quindi la necessità di dar loro voce. Così l’artista finlandese Riikka Kuoppala commenta il proprio lavoro a metà strada tra arte visiva e attivismo sociale.

Nata a Helsinki nel 1980, Riikka risiede attualmente a Lione dove sta concludendo il Programma di ricerca post lauream all’Ecole Nationale Superieure des Beaux-Arts (ENSBA). Il suo lavoro, principalmente video, esplora la nozione di egemonia culturale in relazione alla memoria individuale. Una necessità o un difetto sociale sono il punto di partenza del lavoro dell’artista. Traumi personali e collettivi forniscono la materia prima per la costruzione di racconti brevi volti a suggerire l’esistenza di versioni parallele che rivisitano la realtà. Ri-raccontare è rappresentare ciò che è stato compreso; sottintende la volontà di rientrare in possesso della propria Storia e ​​controllarne il flusso attraverso la ricostruzione di eventi che diano voce a una verità molteplice e alternativa.

L’aspetto introspettivo del suo impegno sociale ricorda le odierne forme di attivismo, sempre più mediate dalle nuove tecnologie (internet e social media) e che caratterizzano il modo in cui i Millennials (termine comunemente usato per descrivere i nati tra il 1980 e il 2000) sono stati istruiti e addestrati. Riikka Kuoppala rivendica la propria identità d’individuo e artista rifiutando le versioni ufficiali di una storia affermata e diffusa dalle classi dominanti. Attraverso il mezzo artistico offusca il confine tra finzione e realtà e confonde le fonti informative allo scopo di svelare i meccanismi di potere che sottendono la diffusione di immagini e informazioni.

Carmen Stolfi

Riikka Kuoppala_Couch, TV and VCR_2012_video installation_photo by Riikka Kuoppala

Riikka Kuoppala, Couch, TV and VCR, 2012, video installation. Photo by Riikka Kuoppala

Riikka Kuoppala_Mother's Body, Father's Body, My Body_2013_video installation_photo by Riikka KuoppalaRiikka Kuoppala, Mother’s Body, Father’s Body, My Body, 2013, video installation. Photo by Riikka Kuoppala

Riikka Kuoppala_Under a Burning City_2010_shortfilm-video installation_photo by Paula Lehto

Riikka Kuoppala, Under a Burning City, 2010, short film-video installation_phot, by Paula Lehto
 
The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Rispondi