Stella Tasca. On the wild side

Senza titolo-1 copia

I colori e le fluorescenze di Stella Tasca, invadono la galleria Parione9 di Roma con la mostra “On the wild side”, fino al 30 giugno 2018. L’ esposizione, a cura di Marta Bandini ed Elettra Bottazzi, presenta al pubblico il mondo di un’artista che osserva il lato selvaggio della natura, soffermandosi sulla distanza che l’uomo ha posto tra sé e questo tipo di realtà.

L’attenzione per l’universo naturale, ha condotto Tasca alla costruzione di un racconto suggestivo, dove flora e fauna sono protagoniste insieme a quella combinazione di potenza e delicatezza, che gli appartiene. La dinamica vivace dei colori, i diversi supporti e le molteplici tecniche utilizzate nella realizzazione delle opere, rendono immediatamente percepibile il contrasto fra forza e fragilità, tipico di ogni forma vivente.

Tasca elabora un immaginario in cui tigri, balene, uccelli, fiori e altri esseri ancora, fuoriescono dal loro habitat, per confluire in una dimensione onirica, a cui lei attribuisce la propria concezione  spazio-temporale. Una dimensione antologica che esterna concetti sedimentati nella memoria e nel vissuto dell’artista. L’uso della parola scritta, che nelle opere diventa un ulteriore messaggio per il fruitore, le permette di focalizzare l’attenzione su concetti specifici, come nel caso del termine “wild”, selvaggio appunto, che ricorre nella maggior parte dei lavori, o come accade con alcuni tratti degli scritti di Leonardo sul vegetarianismo, che Tasca inserisce in alcuni opere.

La tecnica serigrafica, tonalità pop e i riferimenti stilistici all’hardcore punk, creano un’estetica incisiva, che trasmette in modo ironico e immediato, la potenza e la ferocia di questo mondo selvaggio.

Ogni opera, nel suo proprio materiale e con la sua peculiare struttura, interagisce con le altre, stimolando il fruitore a riconsiderare il proprio rapporto con l’universo che lo circonda, proponendo un approccio più gentile e meno superficiale nel confronto con specie diverse dalla nostra.

L’importanza della diversità è qui un elemento fondamentale, sul quale l’artista insiste, riuscendo a comporre un discorso unitario, utilizzando linguaggi tecnici differenti. Pittura, collage, scultura, sono interrelate esteticamente, attraverso l’uso del colore. Carta, stoffa e legno diventano un unicum brillante e fluorescente, che trae origine dalle origini stesse dell’artista. Tasca, infatti, rende le opere custodi di un significato affettivo, andando a recuperare quei colori che il padre utilizzava nelle sue stesse serigrafie. Un atto rispondente a un’esigenza estetica ma che, allo stesso tempo, attribuisce all’intera opera il valore di un dono condiviso con i fruitori. Un gesto coerente con  quella concezione di apertura e rispetto nei confronti del tutto, che attraversa l’intera mostra.

Delia Pizzuti

Info:

Stella Tasca. On the wild side
30 maggio – 30 giugno 2018
Galleria Parione9
Via di Parione 9 (piazza Navona) Roma
Orari: martedì – sabato 14 -19.30 domenica 16 – 20

OPERA 1Stella Tasca, Impera Fauna, 2018, credits: Diana Bandini

OPERA 2Stella Tasca, SuperFluo Whale, 2017, credits: Diana Bandini

OPERA 5Stella Tasca, Wild Tiger, 2018, credits: Diana Bandini

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi