• Recensioni
  • Selfmanagement

    cover-ast

    Negli ultimi anni si è sempre più rafforzata nel mondo dell’arte contemporanea la tendenza a considerare l’attività di curatela in un’accezione autoriale con un proliferare di mostre a tema in cui le opere vengono selezionate per avvalorare la tesi di fondo del progetto spesso mortificando le ragioni più profonde degli artisti che le hanno realizzate.

  • Recensioni
  • Posthuman Body e Interattività: un progetto internazionale in tempo di Brexit

    cover-games

    In un’epoca di definitiva rottura dei confini tra arti e scienza, interdisciplinarità e sperimentazione sono la chiave per investigare il presente, con lo sguardo rivolto al futuro. Tecnologia e arti visive, realtà virtuale e studi biomedici, il corpo e il digitale possono fondersi alla luce di obiettivi comuni – un intento sociale, l’estetica, la provocazione.

  • Saggi
  • Da Atomo a Bit: l’era dell’Arte Digitale

    cover-cryan

    Non siamo più creature dotate di soli cinque sensi: la tecnologia ce ne ha dati centinaia. Possiamo osservare l’universo attraverso tutto lo spettro elettromagnetico […] captare le forze molecolari. Possiamo contemplare l’universo dall’esterno e averne una visione d’insieme […] Per farlo, però, dobbiamo convertire i dati trasmessi da questi nuovi sensi in una forma interpretabile […]

  • Studio
  • Ben Grosser

    copertina-grosser

    Il cuore delle tecnologie digitali è il software, una struttura umana progettata per il calcolo che ne dà rappresentanza e permette loro d’interagire con gli altri. Nel mio lavoro, mi concentro sugli effetti culturali, sociali, politici generati dai software. Che cosa significa per la creatività umana il fatto che un sistema computazionale possa dipingere le proprie opere d’arte?