Tombini Art: a Milano arte e moda a portata di piede

Sopra il Sotto – Tombini Art raccontano la Città Cablata – Milano – photo Sergio Caminata

Flash, modelle, lunghe passerelle e collezioni fuori dal comune. Tutto questo è Milano, tutto questo è la settimana della moda. Spettacolarizzazione, lusso e inaspettate sorprese sono all’ordine del giorno: ma cosa succederebbe se il mondo del fashion lasciasse le sue “vie” canoniche per incrociarne di nuove, meno eteree e più terrene? I più grandi nomi della moda si lascerebbero calpestare, letteralmente. Anche se suona come uno scherzo è proprio ciò che accadrà fino al 2016 lungo gli scintillanti marciapiedi di Via Montenapoleone. Torna, infatti, per la terza edizione Sopra il Sotto – Tombini Art.

Ideata e curata da Monica Nascimbeni, dopo il successo riscosso con il coinvolgimento di street artist nazionali e internazionali del calibro di Shepard Fairey e Space Invader, questa nuova mostra vede per la prima volta coinvolta la Camera Nazionale della Moda Italiana e ventiquattro tra i più originali e fantasiosi stilisti che hanno scritto le pagine più interessanti dell’Italian Fashion Style. Metroweb, società che gestisce la cablatura della città, sarà invece, ancora una volta, il “mecenate” dell’iniziativa coprendo interamente i costi di realizzazione. Il confine tra il visibile e ciò che resta celato, quel pesante e spesso strato di ghisa, anonimo e confuso con il manto stradale si animerà di nuovi e vivaci cromatismi, soggetti pop, icone di stile e senza tempo.

Ogni tombino sarà posizionato in corrispondenza del punto vendita di ogni singolo brand per rafforzare la connessione con esso; a dare il via al percorso sarà Armani con un soggetto ispirato all’acqua e al suo potere di rigenerazione, Laura Biogiotti sceglie l’arte, ispirandosi a un’opera di Balla, Moschino, ricolorando lo smile con il tricolore, ripropone una dei suoi cavalli di battaglia così come Versace e la sua Medusa psichedelica. Tanti i grandi nomi: Just Cavalli, Etro, Missoni, Larusmiani, Costume National, 10 Corso Como, Prada, Trussardi, Dsquared2, Iceberg, Brunello Cucinelli, Hogan, Alberta Ferretti, Valentino, Salvatore Ferragamo, Emilio Pucci, Giuseppe Zanotti Design, Ermenegildo Zegna. Tra tante note firme anche due new entry, i fashion designer Alessandro Garofolo e Santi, vincitori del contest organizzato da Metroweb e dall’Istituto Marangoni di Milano.

Indissolubilmente collegato all’Expo che vedrà il capoluogo lombardo sotto i riflettori mondiali, Sopra il Sotto evidenzia quel forte legame che in questa città unisce creatività provenienti da campi affini ma diversi per applicazione. Non solo nuovo decoro urbano; portando moda e arte a un livello di fruibilità accessibile a tutti, la mostra va oltre il normale concetto di opera d’arte. L’entusiasmo dimostrato delle numerose Maison aderenti è dato anche dall’evento benefico a conclusione dell’anno espositivo. I tombini saranno, infatti, restaurati e successivamente messi all’asta da Christie’s; il ricavato sarà interamente devoluto all’organizzazione no profit Oxfam Italia.

L’inatteso che diviene reale, la realtà che supera, quel tanto che basta, l’immaginazione e ciò che non avremmo creduto possibile scende in strada: l’alta moda si trasforma, in un certo senso, in street art e regala a ogni passante quello scintillio da passerella rendendo fashion metallo e catrame.

Sopra il Sotto – Tombini Art raccontano la Città Cablata
a cura di Monica Nascimbeni
Via MonteNapoleone e Via S. Andrea – Milano
24 Febbraio 2015 – Gennaio 2016 

Sopra il Sotto – Tombini Art raccontano la Città Cablata – Milano – photo Sergio Caminata

Sopra il Sotto – Tombini Art raccontano la Città Cablata – Milano – photo Sergio Caminata

tombino art Versace, ph Sergio Caminata

Tombino art Versace, ph Sergio Caminata

tombino art Metroweb_Santi_Istituto Marangoni, ph Sergio Caminata

Tombino art Metroweb, Santi, Istituto Marangoni, ph Sergio Caminata

The following two tabs change content below.

Alessia Cervelli

Laureata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università di Roma La Sapienza, intraprende fin da subito un percorso multidisciplinare che la porta a svolgere attività curatoriali indipendenti e di critica, affiancate a ricerca e catalogazione in ambito istituzionale. Da sempre legata al mondo della scrittura, porta avanti la propria passione sia in campo “giornalistico” sia letterario, rivolgendo, inoltre, una particolare attenzione alla pittura e alla fotografia. Attualmente vive e lavora a Roma.

Ultimi post di Alessia Cervelli (vedi tutti)

Rispondi