Tra cielo e terra: un tempo vuoto, una mazzata

DA_2013_Fullmoon@Rio-Baker

Andare a una mostra è normale. Vedere una mostra è pericoloso. Per di più è sempre insidioso, di questi tempi, fare considerazioni. Specialmente quando si tratta di arte espressiva e di artisti “imprenditori”. Termine che va inteso, qui, non nel senso commerciale (che ci può pure stare!), ma in quello proprio – antico e figurato – di chi compie un’impresa, un atto speciale, un momento magico e indefinito che ha in sé la possibilità della gloria. E di uno sprazzo di cielo.

DA_2013_Fullmoon@Rio-Baker

Darren Almond, Fullmoon@Rio Baker, 2013. Edizione di 3 (2AP). Courtesy Galleria Alfonso Artiaco, Napoli
 

Allora “Vale sempre la pena” (slogan di TrapaniG e Mario D’Arco). Vale la pena rischiare di parlarne, anche senza prudenze. Vale la pena entrarci in questa impresa. Navigarla. In poche parole, considerarla. Semplicemente attraverso titoli di lavori e opere significative, non necessariamente in mostra.
Artista nato e pasciuto nella fucina YBA, in una London “between the fire of the rock and the fire of the sun” (Laurentia, 2012) degli anni ‘90, fresco di eccellenti studi, il boy Darren “Slowly I have found my way in” (idem) con amici capaci, intelligenti e ambiziosi. Il Terminus (1999) serve a principio per percorrere il mondo tra steppe, valli, foreste, coste, estuari, monti, arcipelaghi. È l’inizio del momento da cogliere – con tanta poesia fantastica – a volo d’uccello rapace. Sì, perché ci si ritrova in alto, molto in alto, e dentro, nelle opere fotografiche di Almond.

DA_2013_perfect-time-6x3

Darren Almond, Perfect Time (6 x 3), 2013, Eighteen synchronized digital clocks. Edition: Unique. Courtesy Galleria Alfonso Artiaco, Napoli
 

Non solo. Le tele e gli orologi ci indicano che è tutto un andirivieni: partenza-arrivo-(ri)partenza. Così, macinando miglia si percorre l’anima e il desiderio. Quello di un tempo altro. Di un altrove. Ma orizzontale. Perfect Time (2013) di Almond è un numero tagliato orizzontalmente a metà che incontra la metà sottoposta di un altro numero rendendolo illeggibile. È un numero-tempo disabilitato. Un “rapporto” difettoso. Un non incontro, o chissà, un incontro con il sé (un Selfie!).

DA_2014_As-Details_exhibition-view-12

Darren Almond, As Details. Veduta parziale della mostra, Aprile 2014. Galleria Alfonso Artiaco, Napoli
 

Meantime (2000), il suo lavoro appare ipercontemporaneo perché diffuso e schiacciato sulla linea di terra, sul piatto corso di un fiume (Fullmoon@Rio Baker, 2013) o nelle nubi ferme e piene tra le cime dei monti (St. Jago Return, 2013). Liquido ma scientifico (il mix della creatività), tant’è che bastano 15 min. di esposizione fotografica per fare della notte giorno in Patagonia come a Capo Verde: Fullmoon, serie che l’artista realizza, catturando la luce della luna piena, a partire dal 1998.

DA_2013_The-Last-Line-a

Darren Almond, The Last Line, 2013, seventeen bronze and aluminium plates and paint. Edition unique. Courtesy Galleria Alfonso Artiaco, Napoli
 

Ma il Tempo e lo Spazio hanno comunque una griglia che sembra nulla, e un colore che è un assai-bianco-acrilico (All Zero e New Painting 24 Panels, 2014). Il tempo è vuoto, come lo stesso spazio. Alla fine pare dirci che il Tutto ha bisogno di una materia pesante pure se caratterizzata dalla leggerezza delle parole. In lavori come The Last Line (2013), con romanticismo metallico, fonde, in placche di bronzo, un testo del filosofo rivoluzionario Lao Tzu. In altri simili ricorda che ci sono solo 11 miles… from Safety (2002-03) e che Between Here and the Surface of the Moon (2011) To Leave A Light Impression (2013).

MB_2014_veduta-parziale-della-mostra-c

Mathelda Balatresi. Veduta parziale della mostra, Aprile 2014. Galleria Alfonso Artiaco, Napoli
 

In un’ulteriore sala della galleria le mine fiorite di Mathelda Balatresi riportano irrimediabilmente, e con forza, i piedi a terra. Il campo – dell’arte e dei sogni – è minato e pronto a esplodere. Altro che luce, impressioni, voli angelici tra poesia e paesaggi diafani. Una mazzata.

P.S.: Ho visto una mostra! Tutto il resto come dettagli.

Pietro Montone

Darren Almond – As Details
Mathelda Balatresi
Alfonso Artiaco, Napoli
info@alfonsoartiaco.com
www.alfonsoartiaco.com

The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Ultimi post di julietartmagazine (vedi tutti)

Rispondi