Vittorio Corcos. Il volto dell’Europa di fine secolo

Vittorio Corcos In lettura sul mare, 1910 circa Olio su tela, cm. 130x228 Collezione privata

Padova. La Fondazione Bano continua a raccontare l’Ottocento italiano attraverso episodi espositivi di alto valore scientifico condensati attorno a singole personalità della scena artistica nazionale. L’ultimo di questi progetti vede la Fondazione collaborare con il Comune di Padova e la Regione Veneto per offrire al pubblico la più completa monografica dedicata al toscano Vittorio Corcos (Livorno 1859 – Firenze 1933).Fino al 14 dicembre 2014 le sale della sede espositiva di Palazzo Zabarella si aprono su marine nord tirreniche e svelano intense e altolocate fisionomie dell’Italia e dell’Europa a cavallo tra i due secoli. Perché nel 1880, dopo aver bruciato le tappe della propria formazione artistica tra Firenze e Napoli e aver registrato tra i primi acquirenti il re Umberto I, Corcos approda in breve tempo ai lidi dei Salon parigini. Nella capitale Belle Époque il livornese trova tra gli altri De Nittis e affianca in modo definitivo la sua produzione a quella del collega italiano, tanto da provocare impegnative dispute sulla paternità di parte delle rispettive produzioni.

Le moderne vedute urbane e gli atmosferici ritratti femminili di entrambi gli artisti si ritrovano più di una volta sapientemente affiancati lungo il percorso espositivo allestito a Padova. Percorso che è stato articolato in sei sezioni tematiche ai cui antipodi sono i luoghi e le persone da cui Vittorio Corcos è partito e a cui nell’ultimo ventennio del secolo ha fatto ritorno, quelli dell’Italia tirrenica. Dal ritratto postumo di Garibaldi a quelli di Carducci e dell’editore Treves, di Yorick e dell’ammirato Silvestro Lega, si ricava un repertorio di figure carismatiche e tagli fotografici indovinati.

Più leziosi e trasfigurati, nelle sezioni centrali della mostra alcuni dei volti femminili gettano uno sguardo condiscendente sullo spettatore e uno dopo l’altro ricreano l’elegante atmosfera decadente ed estraniata dei salotti di fine Ottocento. Non mancano però occhi più provocatori, come quelli dell’estroso compositore Mascagni, di Paolina Clelia Silvia Biondi o di Elena Vecchi, la cui posa sicura e disinvolta si è guadagnata la vetta nella classifica di gradimento dell’artista e nel merchandising dedicato.

Al di là della fortuna critica che lo consacra come figura fondamentale di quel panorama artistico italiano che ha assorbito e interpretato gli spunti dell’estetica europea ottocentesca, imbibita di eleganze e idealismi di fine secolo, resta un talento di fondo, una assoluta vocazione per la resa delle fisionomie che rende Vittorio Corcos un tassello imprescindibile della cultura figurativa italiana e internazionale.

Francesca Coccolo

CORCOS
I sogni della Belle Époque
A cura di Ilaria Taddei, Fernando Mazzocca e Carlo Sisi
Padova, Palazzo Zabarella (via San Francesco 27)
6 settembre – 14 dicembre 2014
Informazioni
tel. +39.049.8753100
info@palazzozabarella.it
www.zabarella.it

Vittorio Corcos Giosuè Carducci, 1892 Olio su tela, cm. 112x99 Bologna, Casa Carducci

Vittorio Corcos, Giosuè Carducci, 1892. Olio su tela, cm. 112 x 99. Bologna, Casa Carducci 

Vittorio Corcos In lettura sul mare, 1910 circa Olio su tela, cm. 130x228 Collezione privata

Vittorio Corcos, In lettura sul mare, 1910 circa. Olio su tela, cm. 130 x 228. Collezione privata

Vittorio Corcos Lune de miel, 1885 Acquerello su cartone, mm. 345x455 Collezione privata

Vittorio Corcos, Lune de miel, 1885. Acquerello su cartone, mm. 345 x 455. Collezione privata

Vittorio Corcos Sogni, 1896 Olio su tela, cm. 161x135 Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna. Su concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

Vittorio Corcos, Sogni, 1896. Olio su tela, cm. 161 x 135. Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna. Su concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo 

The following two tabs change content below.
Juliet Art Magazine is a contemporary art magazine

Ultimi post di julietartmagazine (vedi tutti)

Rispondi