Zhang Enli: Space Painting

Mark-Blower-131008-Zhang-Enli-ICA-0001

Zhang Enli (1965, Jilin, Cina, vive e lavora a Shanghai) è l’artista invitato a ridisegnare un progetto site-specific per il teatro dell’ICA, Institute of Contemporary Arts, London, The Mall. Nel panorama internazionale, è una figura emergente che si sta affermando per la capacità di saper tradurre la pittura attraverso codici riconoscibili ai più, pur basandosi sulla sua pratica di un contesto ben riconoscibile, quale la realtà del quotidiano in Cina, che si delinea attraverso categorie contrastanti. Luoghi, paesaggi rurali e metropoli, oggetti antichi e moderni, memorie e figure, sono rappresentati attraverso una sofisticata gestualità, in quella che è stata definita: “una pittura sobria”.

Mark-Blower-131008-Zhang-Enli-ICA-0001

Space Painting (2013), Watercolour on wall, installation view. Institute of Contemporary Arts, London (c) Zhang Enli, courtesy the artist, Hauser & Wirth and ShanghART Gallery. Photo: Mark Blower
 

Con la stessa motivazione, il progetto commissionato dall’ICA s’inserisce nell’architettura del teatro quale atto totalizzante dello spazio e della superficie. L’installazione “Space Painting” è pura pittura d’atmosfera che gradualmente aderisce al complesso dello scenario attraverso una visione astratta, artificiale e sognante, a tratti drammatica, in cui la luminosità e la fusione dei piani, articolano un capovolgimento di prospettiva. L’artista dichiaratamente pone l’accento sulle potenzialità del colore e del tono dei pigmenti, paragonando la pittura alla “pelle umana”, in cui il fluire della pennellata articola il ritmo della composizione.
Se il complesso risulta affascinante per l’abilità di restituire una dimensione immersiva, due concetti rilevanti per la cultura orientale, sembrano predominanti al fine di comprendere l’installazione: il Vuoto e il Fluire delle cose, interpretati attraverso la Pittura. E’ ora chiaro che al presente la cultura occidentale tende a considerare come valida la riflessione su questi due temi, di fondamentale importanza per la filosofia Orientale: il Vuoto rappresenta una potenzialità di ricongiungimento con la visione armonica del Cosmo, in cui è successivamente necessario prendere consapevolezza del fluire della natura. Questa riflessione non sembra poi così lontana dal ripercorrere le origini di una visione e filosofia classiche, moderniste.

Mark-Blower-131008-Zhang-Enli-ICA-0039

Space Painting (2013), Watercolour on wall, installation view. Institute of Contemporary Arts, London (c) Zhang Enli, courtesy the artist, Hauser & Wirth and ShanghART Gallery. Photo: Mark Blower
 

Da questa similitudine, la complessiva percezione di “Space Painting” sembra trovare elementi condivisi.
L’opera di Zhang Enli sembra riflettere del cielo e del mare, attraverso quelle che poeticamente definisce “le onde della pittura”, che si alternano tra assonanze e variazioni. Gli spazi dell’anticamera, e delle due sale in successione, sono un alternarsi di gesti circolari, esplorando il fluire, il ritmo specifico  della Pittura.
Se è possibile avanzare dei riferimenti con l’Occidentale, si può parlare di spazi sensoriali, interattivi e di visione, come gli “Spazi Sensibili” di Studio Azzurro, in cui spazio, gesto e sensi, giocano un ruolo fondamentale. Analogamente, lo stesso studio del tono, dei colori primari e del fluire delle forme, si può rintracciare storicamente nei dipinti murali di Henri Matisse (1869-1954), in cui una spinta avanguardista, tonale, e corporea, vuole intendere entusiasmo e adesione per i tempi moderni.
Zhang Enli non è nuovo a Londra, né a livello internazionale. L’abilità di trasmettere un messaggio identificabile, chiaro, simbolico, interpretabile e suggestivo allo stesso tempo, riesce a porlo in una condizione di privilegio, tra l’emergere degli artisti cinesi contemporanei.
Oltre il progetto “Space Painting”, presto l’artista sarà presente con una mostra personale alla Galleria Hauser & Wirth – Savile Row, attesa per il 10 gennaio 2014.

Mark-Blower-131008-Zhang-Enli-ICA-0046

Space Painting (2013), Watercolour on wall, installation view. Institute of Contemporary Arts, London (c) Zhang Enli, courtesy the artist, Hauser & Wirth and ShanghART Gallery. Photo: Mark Blower
 

Zhang Enli: Space Painting
ICA Theatre, Institute of Contemporary Arts, Londra
16 ottobre – 22 dicembre 2013

The following two tabs change content below.
è interessata agli aspetti Visivi, Verbali e Testuali che intercorrono nelle Arti Moderne Contemporanee. Da studi storico-artistici presso l’Università Cà Foscari, Venezia, si è specializzata nella didattica e pratica curatoriale, presso lo IED, Roma, e Christie’s Londra. L’ambito della sua attività di ricerca si concentra sul tema della Luce dagli anni ’50 alle manifestazioni emergenti, considerando ontologicamente aspetti artistici, fenomenologici e d’innovazione visuale.

Rispondi